Scegliere il Bouquet: tutti gli stili per una sposa perfetta
gennaio 03,2018

Scegliere il Bouquet: tutti gli stili per una sposa perfetta

Buché, buqué, mazzolino… chiamatelo come volete, ma non sottovalutate la sua importanza. Quando risuonerà la marcia nuziale e la sposa apparirà in cima alla navata tutti gli occhi degli invitati, dopo aver attentamente analizzato l’abito, cadranno immediatamente sulla composizione floreale stretta tra le mani della sposa… il bouquet!

Chiesa fissata, location scelta, abito acquistato e partecipazioni inviate. Cosa manca?

Sono tantissimi i dettagli da curare per un matrimonio perfetto, dalle bomboniere, al tema, al menù da servire agli ospiti, ma un elemento a cui la sposa non può senz’altro rinunciare è il bouquet!

Buché, buqué, mazzolino… chiamatelo come volete, ma non sottovalutate la sua importanza. Quando risuonerà la marcia nuziale e la sposa apparirà in cima alla navata tutti gli occhi degli invitati, dopo aver attentamente analizzato l’abito, cadranno immediatamente sulla composizione floreale stretta tra le mani della sposa… il bouquet!

 

Storia del bouquet: una tradizione antica che si rinnova

La futura sposa più moderna e all’avanguardia potrebbe obiettare che quella del bouquet sia una tradizione datata a cui la sposa del nuovo millennio potrebbe rinunciare, ma nonostante la sua storia secolare, il bouquet matrimoniale, col passare dei decenni si rinnova, cambia forma, dimensioni e colori ed è un elemento ancora di grande tendenza a cui pochissime rinunciano.

 

Ma dov’è nata l’usanza del bouquet della sposa?

Già in epoca precristiana, nei “matrimoni” pagani le giovani donne solevano portare in mano o tra i capelli rametti di mirto e rosmarino che, al tempo, erano simbolo di abbondanza e fertilità e quindi buon auspicio per il futuro della coppia.

La tradizione era presente anche nel mondo arabo, in cui la sposa per tradizione, si adornava il capo con profumati fiori d’arancio come simbolo di purezza. Dalla corona, con il tempo, si è passati al mazzetto di fiori legato con nastri di seta che possono considerarsi gli antesignani dei moderni bouquet.

Nella tradizione italiana il bouquet è l’ultimo dono del fidanzato alla sua futura moglie e dovrebbe essere proprio lui a sceglierlo e a portarlo alla promessa sposa poco prima della cerimonia. Oggi, per il bene del futuro marito che rischia il linciaggio in caso di errore, è proprio la sposa a scegliere il bouquet che deve essere abbinato al vestito e in tema della cerimonia.

 

Ancora oggi, a volte, si mantiene la tradizione, per cui lo sposo o il testimone dello sposo, debbano andare a recapitare la composizione floreale direttamente a casa della sposa, la mattina delle nozze. In alcune zone del sud d’Italia sono addirittura i suoceri che hanno il compito di recapitare il bouquet alla sposa, con successiva foto di rito.

  

SOS Bouquet: guida agli stili e agli abbinamenti

Come abbiamo detto è proprio la sposa che ha l’onore e l’onere di scegliere il proprio bouquet, ma la scelta di questo elemento non è facile come sembra, esistono tantissimi stili e forme diverse, per non parlare delle infinite varietà di fiori esistenti e le mille combinazioni di colori possibili.

Sposa, non è il caso di andare nel panico!

Se non hai le idee chiare a riguardo, un wedding planner o un floral designer di grande professionalità ed esperienza può guidarti in questa scelta cruciale mostrandoti tutti gli stili, le nuove tendenze e i migliori abbinamenti con l’abito da sposa, il tema della cerimonia o l’architettura della location in cui si svolgerà la cerimonia.

 

Intanto, per chiarirti le idee, Cartiamo ti propone una lista di tutti gli stili di bouquet più popolari, dai più tradizionali e romantici, alle creazioni floreali minimal e moderne.

 

Classico tondo: compatto ed elegante

Il bouquet più amato dalle spose. Il classico mazzo di forma tonda e compatta è versatile e può adattarsi ad ogni tipo di cerimonia. La sposa tradizionale lo sceglie spesso con un unico tipo di fiore, di solito sono rose ma di recente le peonie vanno per la maggiore, grazie alla loro eleganza e il forte impatto visivo. I bouquet di questo tipo si trovano anche con una maggiore varietà di fiori e di colori e possono essere impreziositi da cristalli e nastri di raso.

 

Romantico: una cascata di fiori

Il più scenografico dei bouquet. Dalla forma slanciata e verticale, questo tipo di bouquet esalta i fisici slanciati e esili e gli abiti dalle linee semplici e non si adatta a sposine dalle forme morbide ed abiti troppo vaporosi. Il bouquet può essere creato con vari tipi di fiori ma i più adatti a creare l’effetto cascata, sono le calle, le orchidee e tralci di felci ed edera.

 

Minimal: a fascio o fiore singolo

Minimale e chic, il bouquet a fascio è perfetto per la sposa che ama le linee pulite ed essenziali. E’ di solito composto da fiori a stelo lungo tutti uguali (rose, calle, tulipani) legati stretti da un nastro per un effetto semplice ma estremamente chic, ideale per abiti in seta e in stile vintage anni 20.
Di recente, la sposa che opta per un bouquet minimal, sceglie sempre più spesso il fiore singolo.

 

 

Colorato: fiori di campo in stile country chic

Particolarmente di moda oggi è il tema country-chic. Più piccolo e variopinto dei bouquet classici, con fiori semplici e dalle tonalità pastello, tenuti insieme, in modo naturale da spago, fili di paglia o merletti per un tocco vintage. Questo tipo di bouquet dall’aspetto allegro e spensierato, si può arricchire di elementi originali, come le piante succulente e le erbe aromatiche come la lavanda e il rosmarino. Che profumo!

 

 

Originale: forme e fiori inusuali

Infine, in bouquet può assumere forme originali e fuori dal comune e può diventare un vero e proprio accessorio per la sposa più creativa e dinamica. Il bouquet può diventare borsa, bracciale o ventaglio oppure assumere forme strane come la sfera, l’anello e il cilindro. Un ulteriore tocco di originalità per un bouquet creativo, può essere dato da fiori in tessuto o in carta. E che ve ne pare di un preziosissimo bouquet composto soltanto da perle?